Dopo il servizio de Le Iene: alcune precisazioni


Per prima cosa un ringraziamento a tutte le persone che mi hanno mandato dei messaggi bellissimi dopo aver conosciuto questa mia storia. Un grazie anche a chi mi ha attaccato (sono veramente molto molto pochi) perché mi spinge, giustamente, a fare alcune precisazioni dopo ribalta mediatica provocata da questo servizio de Le Iene…

1-Sono ormai quasi 4 mesi che il giovedì e il sabato vado a Burro e Sugo e non ho mai fatto un comunicato stampa per pubblicizzare la cosa. Semplicemente alcuni consiglieri intervistati da Le Iene sulla situazione al Comune di Roma hanno raccontato di un ex assessore-cameriere…

2-Dal servizio non emerge, ma chi si fa veramente in 4 è mia moglie Anna Chiara. È vero i bimbi li accompagno io, ma per puro caso quella volta sono anche andato a riprenderli. Solitamente va lei. Così come lei li accompagna a nuoto o a basket, così come lei li aiuta a fare i compiti, gli prepara da mangiare e tanto tanto altro…

3-Non ho mai detto che 1.700 € sono pochi. Dico però che non bastano alla famiglia De Palo che è composta da 6 persone e ha un mutuo di una casa necessariamente grande sulle spalle. Da qui l’urgenza di trovare un altro lavoro…

4-Ma perché non trovare un lavoro in base alle mie competenze? In primo luogo perchè non è così facile trovarlo. Diciamo che il tema del lavoro che manca è oggettivamente una priorità del nostro Paese. Poi perché da giornalista esperto in Associazionismo ci sarebbero parecchi conflitti di interesse con il mio incarico da consigliere che preferisco evitare. Mentre mi sto comunque muovendo continuando la ricerca di un lavoro dove potrei valorizzare maggiormente quello che so fare, era necessario dare un segnale concreto ai miei figli e alle nostre famiglie di origine: Gigi De Palo non sta con le mani in mano…

5-Non sono un eroe. Sono uno dei tanti italiani che in una situazione di questo tipo si rimbocca le maniche e trova un secondo lavoro per offrire delle maggiori opportunità alla sua famiglia. Colpisce, forse, il fatto che sia un politico. Chi mi conosce sa che questa cosa l’avrei fatta anche se fossi stato un operaio. Tu non stai facendo o non avresti fatto altrettanto? Io credo di si…

6-Devo fare i complimenti agli autori de Le Iene perchè sono riusciti a raccontare con semplicità e spontaneità una storia che poteva farmi passare da primo della classe. Non lo sono e non lo sono mai stato. Anzi, i moralizzatori mi stanno anche un filino antipatici…

7-Nonostante le tante rassicurazioni ricevute anche via sms, quel naso rosso faceva veramente schifo!

I commenti sono chiusi